PROMOZIONE A – IL PUNTO DOPO LA NONA GIORNATA DI RITORNO

Virtus Teramo in fuga, vola il Pucetta, in coda sorprendono Tossicia e Notaresco

D'Ignazio-Danilo-RNona giornata di ritorno nel girone A di Promozione con la Virtus Teramo che approfitta dello stop delle più dirette inseguitrici per allungare in vetta aumentando a 4 i punti di vantaggio sulla seconda; continua a volare il Pucetta che conquista il quarto posto solitario mentre la Rosetana si avvicina alla zona play off e in coda punti importantissimi per Tossicia e Notaresco.

Il Mutignano espugna 3-1 il terreno dell’Alba Montaurei; partono forte i padroni di casa di mister Valerii che colpiscono un palo e una traversa ma gli ospiti di mister Mazzagatti rimangono in partita e poco prima del riposo trovano il vantaggio con un guizzo di Ndiaye, poi la ripresa è combattuta fino al pareggio di Ruscioli che insacca con un tiro cross su cui nessuno riesce a intervenire ma il Mutignano vuole la vittoria e spinge con forza andando a segno prima con Di Giulio che parte in azione solitaria da centrocampo e insacca con una fucilata da fuori area e poi con Assogna bravo a chiudere con una rovesciata in tap in.

0-0 tra Celano e Notaresco; padroni di casa di mister Ciaccia che attaccano ma non riescono a sfondare, ospiti di mister Ruscioli che chiudono bene gli spazi e nel finale rischiano anche di fare il colpaccio.

Il Morro D’Oro supera 2-0 il Cologna; padroni di casa di mister Capitanio che sono più attivi nel primo tempo e colpiscono un palo e una traversa, ma gli ospiti di mister Piccioni riescono a tenere duro prima di cedere alla doppietta di Fossemò nella seconda parte della ripresa.

0-0 tra Mosciano e Nuova Santegidiese; gara combattuta ma né i padroni di casa di mister Brunozzi né gli ospiti di mister Fabrizi riescono a trovare il guizzo giusto.

Il Pucetta supera 1-0 il Pontevomano; continuano a stupire i padroni di casa di mister Giordani in una gara condizionata dalla pioggia, le occasioni si contano sul contagocce con gli ospiti di mister Nardini che non riescono a trovare i varchi giusti e vengono puniti a metà ripresa da Mattei che a centro area trova l’angolino giusto su cross di Sergio Idrofano

La Rosetana supera 3-1 il Luco; i padroni di casa di mister Barnabei partono subito forte e chiudono il primo tempo sul doppio vantaggio grazie alla doppietta di D’Ignazio (nella foto) che finalizza due belle azioni, a inizio ripresa gli ospiti di mister Giannini reagiscono e accorciano con un colpo di testa di Moro ma la Rosetana tiene bene e allo scadere chiude il match con Nallira.

Il Tossicia realizza l’impresa di giornata espugnando 2-1 il terreno del San Gregorio; i padroni di casa di mister De Angelis provano ad attaccare da subito ma a metà prima frazione sono gli ospiti di mister Natali a passare in vantaggio con De Angelis che finalizza un’azione di rimessa, il San Gregorio reagisce e colpisce 3 legni, il Tossicia si difende con le unghie riuscendo a chiudere gli spazi con l’estremo Bartolomei autore di diversi ottimi interventi, poi a metà ripresa arriva il raddoppio con una spizzata di testa di Cosmi su azione d’angolo che si insacca all’angolino e il gol che accorcia le distanze di Lepidi ancora di testa; nel finale Fasciocco non concretizza un’ottima occasione per il pareggio a tu per tu col portiere.

Il Piano della Lente espugna 2-1 il terreno del Sant’Omero; primo tempo favorevole agli ospiti di mister Muscarà che attacca con più forza e va al riposo in vantaggio grazie al gol di Gialluca, nella ripresa i padroni di casa di mister Pennesi spingono alla ricerca del pareggio ma arriva il raddoppio del Piano della Lente con Adorante su assist di Gialluca, poi il Sant’Omero non si arrende ma riesce solo ad accorciare con Fusco su assist di Costantini.

Infine la Virtus Teramo supera 4-0 il Fontanelle prendendo il largo in vetta; padroni di casa di mister Di Serafino che chiudono subito il match nel primo tempo con Capretta, Bizzarri e D’Egidio, gli ospiti di mister Bizzarri non riescono a reagire e nella ripresa la Virtus Teramo arrotonda ulteriormente il risultato ancora con Capretta.

Roberto Marchione