ECCELLENZA: TERMINA IN PARITA’ LA GARA TRA ALBA ADRIATICA E NERETO

L'analisi tattica del derby teramano

Miani-Simone-RIeri, per il campionato di Eccellenza Abruzzese, siamo ad Alba Adriatica, dove è andato di scena il derby teramano Alba Adriatica-Nereto.

Gli ospiti si presentano a questa partita da imbattuti in campionato (unica squadra insieme a Il Delfino Flacco Porto di mister Bonati) dopo il recupero di mercoledi scorso degli ultimi 13 minuti della partita contro la Torrese, sospesa qualche settimana fa, e terrminata 1-1. Mister De Feudis si schiera con il suo classico, ed ormai collaudato, 4-3-3 con Sorci in regia e Pagliuca mezzala. Risponde mister Cichella con un  4-3-1-2 con Cichella trequartista a supporto di Petrarulo e l’intramontabile bomber Miani (nella foto).

La squadra di casa fa molta fatica ad impostare il proprio gioco, anche se qualche volta prova la costruzione passando dai propri centrocampisti, ma molto spesso cercano di scavalcare la linea mediana per raggiungere l’area di rigore avversaria.

Tante volte si è visto il trequartista Cichella troppo basso a prendere palla e non ci sono sembrate utili le sue giocate, quasi mai ha costruito qualcosa di pericoloso nei pressi dell’area avversaria e non si è capita l’utilità in zona di costruzione, non è stato il trequarti utile allo sviluppo di una manovra che in zona di rifinitura deve consentire di armare al meglio Miani, uno che non deve farsi pregare per buttarla dentro.

Lo stesso Miani, è stato poco servito e spesso preso in mezzo dai due centrali difensivi rossoblu che respingevano tutte le palle alte buttate in area. Ma alla fine è anche riuscito su un calcio d’angolo a svettare e siglare il gol dell’1-1, anche grazie all’indecisione del portiere e di tutta la difesa ospite, che si è lasciata battere di testa all’interno dell’area piccola. Così ha impattato la rete iniziale di Antonacci.

La catena di destra, dei padroni di casa, ha funzionato leggermente meglio dei colleghi del lato opposto, con Emili e Di Nicola che si sono proposti in fase di possesso ed erano anche presenti in fase di non possesso.

Il Nereto, di contro, non ha saputo approfittare del vantaggio iniziale e con superbia ha creduto di poter amministrare la partita, ma non ha fatto i conti con i giovanotti albensi che alla fine con il più “giovane” di tutti sono riusciti a riprenderla.

La squadra di mister De Feudis non ha provato a chiudere la partita, o non ha avuto la forza di chiuderla, ma sta di fatto che le trame offensive sono risultate sterili, poco fluide e, se non fosse per qualche iniziativa personale dei tre avanti, anche inconcludenti. Hanno costruito poco e male, ma soprattutto anche in fase di non possesso si sono viste delle lacune, quando con i tre di centrocampo facevano molta confusione sulle uscite e sulle scalate e solo grazie alla farraginosità di alcuni uomini di casa, non sono andati in difficoltà. Qualche buona incursione con degli inserimenti di Pagliuca e qualche sovrapposizione del terzino Monaco, hanno fatto preferire il lato sinistro rispetto al destro.

Una partita non bella, con poche trame di gioco e qualche elemento cardine sotto tono, Sorci e Pagliuca avrebbero potuto e dovuto dare più qualità agli ospiti, che con Montiel ed Antonacci potevano chiudere la partita. La difesa di casa, se andava sotto pressione più spesso, avrebbe concesso qualcosa, così, senza grosse sollecitazioni, hanno retto discretamente.

I padroni di casa, bene con Emili ed il solito Miani, per altri da rivedere l’utilità alla squadra nelle due fasi. Troppo spesso i centrocampisti sono stati scavalcati da palloni lunghi, che poi diventavano in giocabili, di conseguenza è stato un continuo rincorrere il pallone.

Domenica il Nereto riceve lo Spoltore, una squadra che ha iniziato a correre ed anche forte.. vedremo come andrà a finire…

L’Alba va a far visita ad un Penne a corrente alternata. Nel mezzo, per molte squadre, c’è l’andata di Coppa Italia di mercoledi.

Ecco il tabellino dell’incontro:

ALBA ADRIATICA – NERETO  1-1 (0-1)

ALBA ADRIATICA: Petrini, Di Nicola, Schiavoni, Lahbi (17’st Picone), Fabrizi, Emili (37’st Di Sante), Foglia, Passamonti, Miani, Petrarulo (17’st Pantoni), Cichella S. A disposizione: Verissimo, Di Serafino, Di Quirico, Di Renzo, Riccitelli V., Riccitelli P. Allenatore: Adolfo Cichella

NERETO: Cristallo, Balzano, Monaco, Sorci, Ballanti, Dedja, Antonacci (40’st D’Andrea), Selmanaj (26’st Barakaj), Montiel, Pagliuca, Di Eleuterio (26’st Tomassini). A disposizione: Carrieri, Sardini, Oresti, Anello. Allenatore: Michele De Feudis

Reti: 19’pt Antonacci (Nereto), 34’st Miani (Alba Adriatica)

Migliori in campo: Miani (Alba Adriatica) e Montiel (Nereto)