ECCELLENZA – LA PRESENTAZIONE DELLA TRENTUNESIMA GIORNATA

Il Delfino Flacco Porto sulla strada del Chieti, la Torrese a Capistrello per crederci ancora, Sambuceto-Spoltore da non perdere! Nessun anticipo al sabato

Bernardi-Alberto-RInfuocato finale di stagione in Eccellenza con quattro giornate al termine ed ancora diversi verdetti da decretare sia in chiave play off, con due posti per tre squadre, e sia in chiave salvezza con una grande bagarre nella parte bassa della classifica mentre la capolista Chieti ha tutto nelle proprie mani con un vantaggio di sei punti sull’inseguitrice Torrese. Partiamo proprio dall’Angelini dove i neroverdi ospitano Il Delfino Flacco Porto per chiudere il discorso primo posto. I teatini, dopo il grande successo sul campo del Sambuceto che ha riportato serenità e fiducia nell’ambiente, vogliono tornare a vincere davanti ai propri tifosi edevitare altri insidiosi scivoloni come quello di due settimane con l’A&S; il tecnico Lucarelli deve ridisegnare il centrocampo viste le squalifiche di Morales, Di Marco e Pacella con Tato ancora al meglio. Sull’altro fronte i biancazzurri, dopo i due successi consecutivi con Penne e Nereto, si sono allontanati dalla zona calda della classifica portandosi a più quattro sulla zona play out ma hanno bisogno di altri punti salvezza per evitare di giocarsi tutto nelle ultimissime giornate; mister Bonati deve fare a meno degli squalificati Alberico e Giannini per la difficile trasferta.

Punti pesanti in chiave play off quelli che mette in palio questa giornata con quattro contendenti su cinque che si sfidano tra di loro. Il primo scontro diretto è quello di Capistrello dove i rovetani ospitano la Torrese di mister Cristofari. I giallorossi vengono da tre successi consecutivi e, con un occhio ancora al primo posto, sono obbligati a vincere per continuare a sperare ed allo stesso tempo difendere la preziosa seconda posizione in chiave play off. Dall’altra parte i marsicani, dopo il grande successo di Alba Adriatica della settimana scorsa con cui sono tornati in zona play off, vogliono confermarsi tra le mura amiche, dove non perdono dal 6 gennaio, per tenersi stretti la loro posizione; mister Iodice affida a Aquino le chiavi dell’attacco, autore di 17 reti fin qui.

L’altro match sotto i riflettori è quello del “Caprarese” dove il Sambuceto di mister Savini andrà a far visita allo Spoltore. I viola vengono dal pesante ko interno con il Chieti con cui sono usciti definitivamente dalla corsa al primo posto ed ora vogliono subito riprendere la loro marcia per non commettere altri passi falsi che potrebbero farli scivolare in classifica. Scontro di grande importanza per gli azulgrana che, reduci dalla sconfitta di Montesilvano e distanti quattro punti dai viola, cercano il quinto successo interno consecutivo per rimanere agganciati alla zona play off e provare a guadagnare qualche posizione in classifica; il tecnico Ronci recupera Di Pentima sulla corsia mancina ma ha ancora il dubbio Ranieri in attacco, alle prese con un problema al piede.

Molto avvincente lo sprint finale per salvezza con le squadre dalla settima alla penultima posizione ancora tutte in corsa. Scontro quasi decisivo quello dell’Ezio Ricci dove i Nerostellati di mister Bernardi (nella foto) ospitano l’Amiternina. I peligni sono in un gran momento come dimostrano i tre successi consecutivi con cui si presentano al match ed hanno bisogno di altri tre punti per continuare a sperare nella salvezza diretta ancora alla portata e distante ora tre lunghezze; mister Bernardi deve fare a meno dello squalificato Iacobucci. Prima di quattro finali invece per l’Amiternina che, reduce da due sconfitte consecutive, ha bisogno assoluto di tornare a fare punti per non aumentare il distacco attuale di sette punti dalla penultima per giocarsi poi tutto con il regolare svolgimento dei play out; mister Angelone deve rinunciare a Di Alessandro e Tuzi per squalifica.

La quinta contendente ad un posto nei play off è l’Alba Adriatica che, reduce dal passo falso interno con il Capistrello, se la vedrà al “Petruzzi” con la RC Angolana di mister D’Eugenio. I teramani, al quinto posto in classifica in compagnia di Spoltore e Capistrello, hanno perso solamente una volta nelle ultime dieci gare in  trasferta e adesso sono alla ricerca del quindicesimo successo per sfruttare al meglio il turno vede scontrarsi tutte le diretta rivali; mister Izzotti ritrova Njambe in attacco che andrà nuovamente a formare la temibile coppia con Miani in attacco. Serve un altro piccolo sforzo invece ai nerazzurri per archiviare matematicamente il discorso salvezza con gli ultimi di due preziosi successi che hanno portato Ndiaye e compagni a cinque punti di vantaggio dalla zona play out.

Ottima chance per allungare quella che ha disposizione l’Acqua e Sapone che andrà a far visita al “Tommolini” al Martinsicuro di mister Di Fabio. I verdeoro, dopo un tutt’altro che brillante inizio di girone di ritorno, sono tornati a vincere ed ora vogliono allungare la striscia di tre successi consecutivi con cui si presentano al match per aumentare l’attuale vantaggio di tre punti sulla zona play out e prepararsi al meglio alle ultime tre gare; mister Del Gallo punta sull’esperienza di Marrone, autore di quattro gol in campionato. I biancazzurri invece vogliono regalare una gioia ai loro tifosi nella penultima gara tra le mura amiche in Eccellenza.

Reduce dal fondamentale successo di Scoppito, il Miglianico ospita il Cupello di mister Carlucci al “F.lli Ciavatta”. I teatini, al terzultimo posto in classifica, hanno solamente la vittoria come risultato a disposizione per continuare a sperare in una complicata salvezza diretta con la zona franca che adesso è lontana cinque lunghezze ma la truppa di mister Tacchi si guarda anche le spalle con la possibilità di allungare a dieci punti sull’Amiternina e condannare gli aquilani alla retrocessione diretta senza lo svolgimento dei play out. In fase calante invece il Cupello che, reduce da due sconfitte consecutive, vuole tornare a fare punti dato che non può ritenersi del tutto tranquillo con 40 punti in classifica ed un vantaggio di quattro punti sulla zona play out.

Vuole chiudere definitivamente il discorso salvezza il Penne che andrà a visita al Nereto di mister De Feudis. I vestini, al settimo posto in classifica, dopo le due sconfitte delle ultime giornate hanno detto addio alla corsa play off visti i sette punti di distanza ed ora vogliono chiudere al meglio una stagione più che positiva; il tecnico Pavone deve fare a meno dello squalificato Casimirri. Momento complicato invece per il Nereto che, dopo esser stato in scia alla zona play off, ora deve fare i conti con la lotta salvezza dopo le tre sconfitte consecutive che hanno ridotto a quattro i punti di vantaggio sulla zona play out; adesso capitan Di Giuseppe e compagni cercano un successo che manca da quasi un mese per archiviare la salvezza e dedicarsi ad un tranquillo finale di stagione. Il tecnico teramano deve fare a meno dello squalificato Ballante per la delicata sfida.

Il trentunesimo turno si chiude a Pontevomano dopo la truppa di mister Capitanio ospita il Paterno per prendersi la salvezza. I gialloneri, in piena zona play out con 35 punti in classifica, vogliono interrompere la striscia di tre sconfitte consecutive e tornare ad un successo che manca dal 24 Febbraio per restare in corsa per una difficile salvezza diretta distante adesso quattro lunghezze. Salvezza quasi del tutto acquisita invece per i marsicani che dopo l’ultimo successo interno hanno portato a cinque i punti di vantaggio sulla zona play out con Mastrojanni e compagni che ora vogliono chiudere al meglio una stagione non del tutto positiva; mister Torti deve fare a meno di Sassarini in mediana, out per squalifica.

Alessandro Zuccarini