ECCELLENZA – LA PRESENTAZIONE DEGLI SPAREGGI PLAY OFF E PLAY OUT

Nei play off Torrese-Alba Adriatica e Sambuceto-Spoltore. Nei play out Nerostellati-Miglianico. Le gare inizieranno alle ore 16,30

Cristofari-Remigio-RDopo i verdetti dell’ultima giornata di campionato, si passa alla fase cruciale della stagione dove non si può più sbagliare un colpo negli spareggi validi per la promozione e soprattutto per la salvezza. Partiamo dal comunale di Castelnuovo Vomano dove la Torrese ospita l’Alba Adriatica per una semifinale play off tutta teramana. I giallorossi hanno chiuso al secondo posto in classifica un campionato condizionato dal rendimento molto negativo in trasferta ma tra le mura amiche hanno dimostrato di essere quasi imbattibili con ben 14 vittorie ottenute nei 17 incontri disputati. Ora ai locali basta anche un pari per passare il turno in virtù del miglior piazzamento in classifica e mister Cristofari (nella foto) può contare su tutta la sua artiglieria pesante in attacco con la possibilità di schierare un tridente composto da Maio,Chiacchiarelli e Puglia, capaci di totalizzare ben 44 reti insieme in questa stagione. Dall’altra parte però troviamo la vera e propria rivelazione del campionato che, ottenuto il piazzamento play off nell’ultimo turno con la quinta posizione, non ha intenzione di fermarsi e smettere di  sognare. La compagine rossoverde, una delle più giovani del torneo, si presenta al match consapevole di non aver nulla da perdere contro un avversario, la Torrese, che è già riuscita a sconfiggere in campionato al “L. Vallese” per ben 5 reti a 0; un precedente che fa ben sperare a mister Izzotti il quale si affida al vice capocannoniere del campionato Miani in attacco, autore di 20 reti, affiancato dal talento classe ’98 Njambe, altro protagonista di questa grande annata.

L’altra semifinale è quella della “Cittadella Dello Sport” dove il Sambuceto, che ha chiuso il terzo posto in campionato, ospita lo Spoltore per una partita che si presenta ricca di emozioni per gli atteggiamenti offensivi e propositivi che offrono le due compagini. Gara molto importante per i viola che, nel sessantennale della società, vogliono arrivare più lontani possibile e regalare una soddisfazione ai tifosi ed all’ambiente. Il nuovo cambio alla guida tecnica nell’ultima giornata con il ritorno in panchina di Del Zotti, sembra aver dato la giusta scossa alla squadra che si presenta alla gara con i favori del pronostico visto il vantaggio del piazzamento in graduatoria e le tante individualità di spicco che hanno permesso loro di chiudere il campionato con il miglior attacco del torneo e ben 72 reti all’attivo, 44 delle quali messe a segno dalla coppia Lalli-Criscolo, autori di una annata da incorniciare. Sull’altro fronte gli azulgrana, che hanno concluso al quarto posto la stagione, arrivano all’appuntamento play off per il secondo anno consecutivo a dimostrazione di una gestione e di un gruppo che continua a far grandi cose con il raggiungimento dell’obiettivo stagionale prefissato. Di Camillo e compagni, obbligati a vincere per staccare il pass valido per la finale, hanno bisogno di una grande prestazione come quella dell’anno scorso all’Angelini dove erano riusciti a sconfiggere di misura il Chieti in semifinale. Il tecnico Ronci, che non è andato oltre il pari sul campo del Sambuceto in questo campionato, dovrebbe recuperare Ranieri in attacco e Sichetti in difesa, alle prese con degli infortuni nella parte finale del campionato, mentre è sicuro di una maglia da titolare Fabrizio Grassi, autore di 15 reti in campionato e di un’altra grande stagione da protagonista.

Nell’attesa di verdetti delle abruzzesi in Serie D, per ora vi è un solo spareggio salvezza ed è quello che mette di fronte i Nerostellati ed il Miglianico. I peligni, autori di una stagione caratterizzata da alti e bassi,  sono riusciti nell’ultimo turno di campionato a superare proprio il Miglianico in classifica ed avere così dalla loro parte il fattore campo ed il vantaggio per il miglior piazzamento. Ora capitan Del Gizzi e compagni devono evitare un ko che sancirebbe la seconda retrocessione consecutiva della società peligna che in due anni si ritroverebbe così dalla Serie D alla Promozione; per evitare tutto ciò mister Bernardi si affida ai colpi e all’esperienza di Pendenza in attacco che nonostante dei problemi fisici durante l’anno è arrivato comunque a quota 16 reti in campionato. La gara sarà disputata allo stadio “Alfredo Cipriani” di Raiano. I teatini invece si presentano al terzo spareggio play out consecutivo  da terzultimi della classe ed hanno bisogno di un grande successo come quello dell’anno scorso sul campo del River Chieti per garantirsi la permanenza nella categoria. I gialloblu, dopo un buon inizio di stagione, hanno riscontrato dei problemi ed ora, nel match decisivo, mister Tacchi si affida ai colpi di Orta e Polisena in attacco ed all’esperienza di Battista in mediana per evitare la retrocessione in Promozione, una categoria in cui il Miglianico non milita dall’annata 2005/2006.

ALESSANDRO ZUCCARINI