ECCELLENZA – IL PUNTO DOPO L’OTTAVA GIORNATA

Cinque squadre appaiate in vetta grazie ai colpi esterni del Chieti, Giulianova e Sambuceto

Farindolini-Lorenzo-RCon la fine dell’ottava giornata del campionato di Eccellenza troviamo un gruppo di cinque squadre (Paterno, Chieti, Sambuceto, Giulianova e Angolana) a quota 17 punti al comando della classifica e il risultato più sorprendente di questa domenica è la sconfitta del Paterno contro il River Chieti 65 sul campo “Celdit” per 1-0. I rosanero di Francesco Marchetti trovano la prima vittoria in campionato grazie ad un pallonetto di Criscolo dopo dieci minuti di gioco dopo un lancio di Barbarossa e un’incomprensione difensiva tra Cattafesta e Di Stefano. I nerazzurri provano subito a reagire con un tiro-cross di Albertazzi che sfiora la traversa e nella ripresa mister Torti inserisce Kabasele e Baraldi con l’attaccante africano che si rende pericoloso colpendo anche un palo; Gaeta poco dopo ci prova con un colpo di testa e nel finale Criscolo, con un’azione personale, sfiora il 2-0. Per il Paterno si tratta della prima sconfitta stagionale mentre il River ritrova la vittoria interna dopo il 26 marzo scorso e conquista tre punti chiave per la salvezza.

Il Chieti di Gabriele Aielli espugna il comunale “Davide Bucci” e conquista la seconda vittoria consecutiva battendo per 2-1 un San Salvo che perde anche il suo giocatore più in forma, Dema, per un grave infortunio. I neroverdi si presentano con il tridente composto da Bordoni, Catalli e Lalli e passano in vantaggio al primo affondo grazie a uno sfortunato autogol di Maccione; poco dopo gli ospiti si divorano il gol del raddoppio con Catalli mentre i padroni di casa si rendono pericolosi solo con un tiro sul fondo di Calil. Nella ripresa il Chieti trova la seconda rete con il destro di Catalli ed al 41’ il San Salvo riapre la gara con un gran gol dalla distanza di Ramundo; dopo il gol subito, i neroverdi si difendono e portano a casa tre punti importanti che li portano al comando della classifica mentre la squadra di mister Suero subisce la seconda sconfitta consecutiva e si ritrova in coda alla classifica in compagnia del Montorio a quota 5 punti.

Il Giulianova esce vittorioso dalla trasferta a Miglianico grazie a un eurogol di D’Alessandro nei minuti finali del match. I gialloblù di Luigi D’Ambrosio partono subito forte e colpiscono prima una traversa con un tiro da fuori di Verna e poi trovano il gol al 12’ con un sinistro sotto porta di Croci; dopo soli cinque minuti gli undici di Attilio Piccioni trovano la rete del pareggio con un gran sinistro di Tozzi Borsoi ma al 33’ vengono di nuovo puniti da Marfisi che spiazza Orsini dal dischetto. Prima di andare al riposo D’Alessandro sfrutta una disattenzione della retroguardia teatina e riporta il punteggio sulla parità; al 9’ della ripresa Tozzi Borsoi si fa ipnotizzare da De Deo sbagliando il calcio di rigore e la rete del vantaggio giallorosso arriva solamente al settimo minuto di recupero con una gran botta di sinistro da fuori di D’Alessandro che sigla così la sua doppietta personale e regala alla sua squadra la terza vittoria consecutiva.

Il Sambuceto di Tatomir conquista tre punti pesanti in trasferta contro l’Alba Adriatica e si porta in vetta alla classifica. Inizialmente sono i padroni di casa ad avere le occasioni più interessanti con un tiro dal limite del baby Camperchioli e con un colpo in area di Miani; nella ripresa di nuovo un’occasione per il bomber dei teramani ma è il Sambuceto a passare in vantaggio con una prodezza al 9’ dell’ex Antonacci e pochi minuti dopo, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, trova il gol del raddoppio con Antenucci. La reazione dei padroni di casa passa per i piedi del neo entrato Lazzarini che manda alto dall’interno dell’area mentre l’attaccante in maglia viola Liberati colpisce la traversa con un tiro da lontanissimo. Così il Sambuceto si riscatta dopo il mezzo passo falso in casa mentre l’Alba Adriatica non riesce a dare continuità ai suoi risultati dopo la vittoria esterna di domenica scorsa.

La rivelazione RC Angolana continua a vincere e lo fa tra le mura amiche ai danni di un Montorio in difficoltà. Le vespe giallonere dopo un tentativo del solito Ndiaye subiscono il gol dello svantaggio al 30’ con una sforbiciata del capitano pescarese Farindolini (nella foto); i padroni di casa potrebbero subito raddoppiare con Rozic ma Recchiuti con un miracolo tiene in vita i suoi. Nella ripresa ancora il solito Ndiaye si rende pericoloso con una punizione di poco alta ma il Montorio non riesce a trovare il pari ed esce sconfitto dal Comunale di Città Sant’Angelo e si ritrova ora nelle zone basse della classifica mentre continua il momento magico dei ragazzi di mister Rachini che non vogliono fermarsi.

Lo Spoltore prosegue il suo buon momento e sconfigge in casa la Torrese di mister Narcisi in una partita vivace e ricca di emozioni. Partono forte gli undici pescaresi che vanno vicini alla via del gol prima con un tiro di Zanetti e poi con un inserimento di Nardone, subito dopo entrambe le squadre colpiscono una traversa: per lo Spoltore ci pensa Morales con una gran botta di destro da fuori area mentre per la Torrese è De Sanctis a colpire il legno dopo aver superato Buonafortuna in area. La ripresa parte bene per la squadra di Donato Ronci che passa in vantaggio al 9’ con Nardone che mette in porta dopo la traversa colpita da Ranieri, i giallorossi però non demordono e trovano il gol del pari con Stacchiotti che dal dischetto supera Proietti; soltanto qualche minuto più tardi lo Spoltore passa di nuovo in vantaggio grazie alla rete dell’attaccante Ranieri e Sanchez nel finale prova a chiudere la gara. I ragazzi battono cosi per 2-1 la Torrese e sembrano aver trovato la giusta quadratura e continuità conquistando la terza vittoria consecutiva contro una buona Torrese che non riesce a riscattare la sconfitta interna scorsa.

Il Capistrello tra le mura amiche batte con un roboante 5-1 il Martinsicuro di mister Di Fabio e si riscatta dopo la brutta sconfitta all’Angelini della settimana scorsa. Mister Iodice cambia assetto alla sua squadra che parte subito forte andando vicina alla rete con Paris e De Meis ma è soltanto nei minuti finali del primo tempo che riesce a sbloccare il risultato con Bolzan direttamente da calcio d’angolo. Al 2’ della ripresa trova il gol del raddoppio con Leccese che di testa manda in rete su assist di Paris e pochi minuti dopo proprio Paris sigla il terzo gol; gli ospiti non si arrendono e cercano il gol con Nepa prima e Ferrari dopo ma Paneccasio al 19’ realizza un gran gol dopo aver dribblato tre uomini e scavalcato con un colpo sotto Osso. Il Martinsicuro trova il gol del 4-1 sugli sviluppi di calcio d’angolo con Cucco che batte cosi Di Girolamo; Edoardo De Meis con un eurogol al 30’ realizza il quinto gol per i suoi e i granata si posizionano a pari punti con lo Spoltore dietro il gruppone delle cinque capoliste mentre per i teramani si tratta della terza sconfitta stagionale.

L’ Acqua e Sapone di Alessandro Del Gallo esce sconfitta da Penne per 3-2 dopo una bella partita. I ragazzi di Giandomenico vanno subito vicino al gol con un’azione personale di Rodia (recuperato dopo la trasferta di Giulianova) e gli ospiti rispondono con un colpo di testa di Taormina salvato da Domenicone che sostituisce l’infortunato D’Amico; la prima frazione di gioco si chiude con una gran girata di Orta che sbatte sulla traversa. Al 3’ della ripresa Rodia porta in vantaggio i suoi e al 20’, dopo essersi divorato due gol, sigla il gol del raddoppio con un pallonetto che scavalca Palena; gli ospiti dieci minuti più tardi riaprono la partita con un gol di Maiorani abile a sfruttare una disattenzione difensiva e vanno anche vicini al pari con Colantoni. Nel primo minuto di recupero il Penne trova il terzo gol con Di Martino ma i pescaresi riescono ancora a riaprire i giochi con una rete dell’ex Marrone due minuti più tardi che però non basta. Il Penne così ritrova la vittoria, seppur soffrendo, grazie a un super Rodia mentre i ragazzi di Del Gallo subiscono una sconfitta che non rovina però il buon momento.

L’Amiternina trova un successo molto importante a Scoppito in chiave salvezza battendo con un secco 3-0 il Cupello di mister Carlucci. Il tecnico Angelone schiera il tridente Mazzaferro, Terriaca, Torelli e proprio quest’ultimo al 19’ trova la rete del vantaggio su errore del portiere ospite Marconato; all’inizio della seconda frazione di gioco Mazzaferro va vicino al raddoppio dopo una bella palla di Torelli mentre agli ospiti viene annullato un gol di De Cinque per fuorigioco dubbio. Al 23’ Terriaca realizza su calcio di rigore guadagnato da Santirocco e i padroni di casa continuano a affondare con il solito Terriaca che colpisce la traversa dopo un gran sinistro, il gol che chiude la partita però arriva al 39’ con il neo entrato Sow e l’Amiternina, meritatamente, batte un Cupello in difficoltà che subisce così la terza sconfitta consecutiva.

A.Z.