ECCELLENZA – IL PUNTO DOPO LA TRENTUNESIMA GIORNATA

Perde la Torrese, pareggia il Chieti e per i neroverdi la D si fa sempre più vicina. Capistrello e Spoltore insidiano il terzo posto del Sambuceto

De-Meis-Edoardo-RTermina senza reti all’Angelini dove il Chieti impatta sul muro difensivo de Il Delfino Flacco Porto non andando oltre lo 0-0 ma ottenendo comunque un punto d’oro sull’inseguitrice Torrese e porta a sette i punti di vantaggio sulla compagine teramana a tre giornate dal termine del campionato. Dopo un buon inizio degli ospiti, sono i neroverdi ad avere una ghiotta occasione per passare in vantaggio al 28’ quando Miccichè manda la sfera sulla traversa da ottima posizione dopo una respinta di Falso. Nella ripresa è monologo neroverde con i ragazzi di mister Bonati che fanno fatica a superare la metà campo e non si rendono mai pericolosi dalle parte di Alonzi. Giornata sfortunata per Miccichè che al 53’ vede ancora la traversa a negargli la gioia del gol su un calcio di punizione dal limite. Al 77’ancora pericolosi gli undici di Lucarelli con Rodia che raccoglie un servizio di Delgado e calcia di poco a lato con il sinistro. Nel finale i neroverdi spingono alla ricerca del gol ma gli ospiti chiudono tutti i varchi e portano a casa un gran punto in chiave salvezza.

Nona sconfitta esterna stagionale per la Torrese che cade 2-0 a Capistrello e dice quasi del tutto addio alle speranze primo posto. Buon inizio dei padroni di casa che si rendono pericolosi al 27’ quando Guerra ci prova con un pallonetto ma trova l’attento Bruno a deviare in corner. Tre minuti più tardi rispondono i teramani con un colpo di testa del solito Chiacchiarelli che si spegne di un nulla a lato del palo. Gli equilibri si rompono al 51’ quando Pollino raccoglie la sfera in area e mette in rete per il vantaggio granata. Gli uomini di mister Iodice subiscono una timida reazione dei giallorossi ed all’86’ chiudono il match quando Edoardo De Meis (nella foto) lascia partire un gran destro dalla distanza che si infila alle spalle di Bruno. Terzo successo consecutivo per il Capistrello che trova tre punti pesanti con cui rimangono al quarto posto in classifica.

Grassi-Fabrizio-RLo Spoltore fa suo l’altro scontro diretto di giornata valido per la parte alta della classifica superando 3-1 il Sambuceto al “Caprarese” grazie ad un super Grassi (nella foto). In una vivace prima frazione di gioco, padroni di casa due volte vicini al vantaggio prima con una conclusione di Nuevo che si stampa sulla traversa e poi, al 24’, con un pallonetto di Grassi anch’esso fermato dalla parte alta della traversa. Passano solamente tre minuti della ripresa e la gara si sblocca quando Grassi raccoglie un bel servizio di Di Camillo e supera De Deo con un destro in diagonale. Gli uomini del tecnico Ronci continuano a spingere ed al 64’ raddoppiano con Grassi, il più a lesto a raccogliere la palla in area e spedirla in rete. I viola non ci stanno ed al 72’ riaprono il match con un preciso destro del neo entrato Gentile. Passano solamente otto minuti e gli azulgrana ristabiliscono le distanze con il solito Grassi che deve solo appoggiare in rete un servizio di Sanz per la sua tripletta personale. Nel finale l’attaccante pescarese va vicino anche alla quarta rete personale ma la sua conclusione termina sul fondo con gli uomini del patron Pompa che portano comunque a casa tre punti pesantissimi in chiave play off.

Scivola al sesto posto in classifica l’Alba Adriatica che pareggia 1-1 sul campo della RC Angolana portandosi a due punti di ritardo dalla zona play off. La gara si sblocca nel finale di primo tempo con gli albensi che passano a condurre quando Di Pietrantonio mette la palla nella propria porta dopo una strana respinta sulla traversa. Nella ripresa sono i padroni di casa a fare la partita con i teramani che soffrono e rischiano di capitolare quando Maloku lascia partire una gran conclusione dalla distanza che si stampa sulla traversa. Gli uomini di mister Izzotti non reagiscono ed al 42’ i nerazzurri trovano la via del pari con capitan D’Alonzo freddo a battere Petrini dopo un’azione confusa all’interno dell’area. Poco dopo i padroni di casa hanno anche l’occasione per completare la rimonta ma il colpo di testa di Lahbi si spegne di poco a lato e nel finale gli ospiti concludono il match in dieci uomini per la doppia ammonizione di Miani.

Fondamentale successo in chiave salvezza dell’Amiternina che espugna l’Ezio Ricci superando di misura i Nerostellati. Dopo un buon inizio dei padroni di casa, sono i giallorossi a passare in vantaggio al 36’ con un colpo di testa di Romano sugli sviluppi di un corner calciato da Pezzotti. Cinque minuti più tardi gli uomini di mister Bernardi hanno subito una grande chance per pareggiare i conti ma il tiro dagli undici metri di Pendenza si stampa sul palo. Nella ripresa i peligni rimangono in dieci al 53’ per la doppia ammonizione di Quaranta ma riescono comunque a rendersi pericolosi al 72’ quando la traversa nega loro la gioia del pari su un calcio di punizione di Del Gizzi. Nel finale occasione per il raddoppio ospite ma Hamo para il calcio di rigore a De Michele con il match termina per 1-0.

Quarta sconfitta consecutiva per il Nereto che cade 2-0 tra le mura amiche contro il Penne con il vantaggio sulla zona play out che ora è di solamente due punti. Buon inizio degli ospiti che passano a condurre al 23’ quando Di Ruocco supera Di Giuseppe con un preciso destro in diagonale. Nel finale di primo tempo i vestini rimangono in dieci uomini per l’espulsione di Savini e nella ripresa gli uomini di mister De Feudis vanno più volte vicini al pari con D’Amico che deve superarsi al 79’ su un tentativo a botta sicura di Lazzarini. Nel finale di gara i teramani si sbilanciano alla ricerca del pari e Cacciatore in contropiede raddoppia per il Penne portando il risultato sul definitivo 2-0 con i biancorossi che mettono così al sicuro la salvezza.

Quarto successo consecutivo e record di punti per l’Acqua e Sapone che vince 4-1 sul campo del Martinsicuro e si prende una grossa fetta di salvezza. Pronti via e i teramani hanno una grande occasione per portarsi in vantaggio al 10’ ma Ciuti si fa ipnotizzare da Palena dagli undici metri. La risposta verdeoro è immediata e gli uomini di Del Gallo sbloccano il match al 21’ con una precisa conclusione di Zippilli dal limite. Nella ripresa si scatenano con gli ospiti con Petito che raddoppia al 50’ e Marrone che cala il tris un quarto d’ora più tardi. La rete del poker ospite arriva al 79’ con Petito che deve solamente appoggiare in rete un servizio di Trento per la sua doppietta personale mentre nei minuti di recupero trovano la gioia del gol i ragazzi di mister Di Fabio con il sigillo di Farinelli.

Torna al successo il Pontevomano che batte 2-1 il Paterno tra le mura amiche ed ottiene tre punti importanti per rimanere pienamente in corsa per la salvezza diretta. Ci pensa Manuel Di Sante a sbloccare il match al 32’ con un preciso destro su calcio di punizione. Nella ripresa continuano a spingere i teramani che raddoppiano al 74’ con Davide Di Sante direttamente da un calcio di punizione dal lato corto dell’area. Nel finale i marsicani rientrano in partita all’89’ con un colpo di testa di Mastrojanni ma è troppo tardi per tentare di evitare il terzo stop consecutivo con una salvezza che è ancora da guadagnare.

Grande successo interno del Miglianico che vince con un netto 4-2 al “F.lli Ciavatta” al Cupello e si porta a tre punti di distanza dalla zona per la salvezza diretta. Partenza sprint dei locali che al 16’ sono già sul doppio vantaggio; prima è Orta all’11 a realizzare su assist di Polisena e poi è Battista a siglare il raddoppio gialloblu dagli undici metri. I ragazzi di mister Carlucci accusano il colpo ma al 32’ riescono ad accorciare le distanze con una deviazione vincente di Basso sugli sviluppi di un corner. Nel finale di tempo gli ospiti rimangono in dieci uomini per l’espulsione di De Cinque ed Orta ad inizio ripresa ristabilisce le distanze portando il risultato sul momentaneo 3-1. I rossoblu non demordono ed al 40’ trovano al via del gol con un colpo di testa di Felice. Nel recupero ci pensa uno scatenato Polisena a chiudere il match realizzando la sua undicesima rete stagionale con i ragazzi di mister Tacchi che possono esultare per un pesante successo in chiave salvezza. Continua invece il periodo no del Cupello che incassa la terza sconfitta consecutiva e si gioca molto nei prossimi due scontri diretti con i Nerostellati e l’Amiternina per la permanenza nella categoria senza passare dai play out.

Alessandro Zuccarini