ECCELLENZA : IL CASTELNUOVO E’ PRONTO A STUPIRE

Il responsabile dell’Area Tecnica Claudio Cicchi parla dei primi movimenti nella rosa

Cicchi-Claudio-RIl Castelnuovo Vomano, dopo aver conquistato la promozione in Eccellenza, sta gettando le basi per costruire una squadra in grado di ben figurare anche nella nuova categoria e, proprio per questo motivo, la società si è affidata a due esperti del calcio come il tecnico Guido Di Fabio e il Responsabile dell’Area Tecnica Claudio Cicchi (nella foto), che collaborano insieme da svariati anni.

A Macerata insieme hanno scritto pagine importanti della storia calcistica biancorossa, vincendo un Campionato di Eccellenza e ottenendo due qualificazioni ai play-off in Serie D, per non parlare dell’ottimo lavoro svolto nel Martinsicuro dove hanno perso, con una squadra giovanissima, il campionato all’ultima giornata (pareggiando a Morro d’Oro) e dove hanno ottenuto ottimi piazzamenti ai play off prima della debacle di quest’anno.

A parlare e proprio il Responsabile dell’Area Tecnica Claudio Cicchi: “La scorsa stagione non fa testo perchè Guido Di Fabio con una squadra di ragazzini (2000-2001-2002) ha dato ancora una volta dimostrazione di essere un grande maestro sia di vita che di sport, chi avrebbe avuto il coraggio di rimanere in società dopo che tutti i migliori se ne erano andati? Solo uno come lui, e ciò gli fa ancora più onore.

Preferisco non fare commenti su ciò che è successo a Martinsicuro, non e’ nel mio stile, dico solo che lì c’è un gran bel Settore Giovanile con dei ragazzi davvero interessanti che, grazie a Di Fabio e ai suoi magnifici collaboratori (Ferretti, Sarcinella e Medori), sono cresciuti tantissimo, è uno spettacolo vederli giocare; il Sindaco Massimo Vagnoni e’ una bravissima persona e i tifosi ci hanno sempre seguito con passione ed entusiasmo, è venuto a mancare lo sponsor principale e da li sono venuti fuori grossi problemi, peccato perche’ a Martinsicuro si stava veramente bene.

Penso che il Castelnuovo sia una matricola solo perché neopromossa, ma nei fatti non la chiamerei così dato che negli ultimi due anni ha collezionato grandi successi aggiudicandosi ben due campionati; direi piuttosto che abbiamo accettato con entusiasmo la proposta del Presidente Giancarlo Di Flaviano e del patron Umberto Marini perchè ci hanno colpito la loro serietà, il loro entusiasmo e la loro voglia di vincere.

Ci auguriamo che dopo le due promozioni consecutive non ci sia due senza tre, indubbiamente stiamo allestendo un organico che possa regalare grandi soddisfazioni ai nostri dirigenti e tifosi neroverdi, e se hanno scelto uno come Di Fabio è perchè credono nelle sue doti che sono immense.

La societa’ ringrazia tutti gli atleti che, con grande spirito di sacrificio, hanno permesso di raggiungere la sospirata promozione in Eccellenza, sono stati tutti meritevoli del massimo elogio e la società non finirà mai di ringraziarli; ma io e il mister, pur apprezzando il valore di tutti i ragazzi, apporteremo diverse modifiche alla rosa, vorremmo puntare su giocatori di categoria che hanno sete di successi, che hanno fame, che sono motivati e ce ne assumeremo tutte le responsabilità del caso.

Sono convinto che i ragazzi che hanno giocato qui nella passata stagione saranno oggetto di attenzioni da parte di molti club ed io particolarmente auguro a tutti loro le migliori fortune.

Naturalmente non andranno via tutti, ad esempio con Ciminà, che conosciamo bene, c’è in corso una trattativa cosi come per altri ragazzi, ma preferisco non fare nomi, coloro che non rimarranno sono stati tutti avvertiti per far sì che possano trovare la migliore sistemazione.

Ci stiamo muovendo già da qualche giorno sul mercato, al riguardo abbiamo idee chiare che sono in sintonia con quelle della proprietà, tutti coloro che abbiamo chiamato si ritengono orgogliosi di poter far parte di questo progetto, ma per almeno due settimane non farò nomi e poi saranno la società o il segretario Domenico Candelori a comunicarli.

L’obiettivo, come detto, e’ quello di fare bene anche in Eccellenza, la nostra società è composta da gente abituata a vincere, gente seria, noi sappiamo che questo non è un campionato facile e nel quale niente è scontato, ma non posso negare che daremo il massimo per creare un organico degno della massima considerazione.

Sono convinto che il Sambuceto, lo Spoltore, il Paterno, l’Angolana e il Lanciano siano le squadre più accreditate, lo scorso anno fece un grande campionato anche l’Alba Adriatica che sono convinto possa ripetersi perchè ha una bella e sana società alle spalle, ma potrebbe venir fuori anche una outsider. Noi abbiamo il miglior allenatore della categoria e una società da Serie A, quindi abbiamo le carte in regola per essere tra i protagonisti.”

Roberto Marchione