ECCELLENZA: IL BORRELLO SI RITIRA DAL CAMPIONATO

Era nell’aria, adesso è ufficiale: la società teatina svincola tutti i giocatori. Il patron Petrolla: “Tradito da chi mi ha chiamato all’inizio del campionato”. Il tecnico Anzivino: “Dopo tre anni di successi dispiace finire così”

L’Eccellenza ha una squadra in meno. A partire dalla prossima gara di campionato non ci sarà più il Borrello visto che la società ha provveduto a svincolare tutti i giocatori della rosa.

Secondo il patron Petrolla (nella foto) ci sono delle responsabilità precise: “Ad inizio sono stato chiamato per ripartire con l’Eccellenza a Guardiagrele ma chi aveva fatto delle precise promesse non si è mai fatto vedere. All’inizio ho anticipato io sulla base delle promesse fatte ma adesso non ce la faccio più, ho voluto essere onesto e sincero con i calciatori ai quali ho spiegato che non c’erano più le condizioni per andare avanti, venivano cinque volte la settimana ad allenarsi e non potevano continuare senza rimborso. Non sono abituato a prendere in giro i ragazzi e li ho fatti svincolare tutti”.

“Avevo avuto delle promesse da parte dell’Assessore allo sport del Comune di Guardiagrele – assicura il patron – che si sarebbe adoperato per procurarci un campo per allenarci e avrebbe stimolato l’imprenditoria locale per avere delle risorse per disputare il campionato. Ad oggi mi trovo a dover pagare il campo di Rapino per tutti gli allenamenti fatti finora, vista la mancata concessione del “Tino Primavera”, disponibile la domenica ma solo a pagamento. Per non parlare dell’aiuto economico che non è mai arrivato”.

“Ho anche provato a pensare ad una retrocessione programmata – precisa Petrolla – ma siamo rimasti con 5,6 giocatori e non ho trovato una soluzione al problema. Dopo  tutto quello che ho fatto per questa società nel corso degli anni, mi piange il cuore ma, così come l’ho creata, la farò finire”.

“E’ un vero peccato che debba abbandonare proprio alla vigilia della gara contro il Francavilla- conclude il patron – città dove abito e contro la quale mi sarebbe piaciuto giocare. Ci tenevo davvero tanto a questa partita ma il destino ha voluto così!”.

Incredulo il tecnico Donato Anzivino (nella foto): “Mai successa una cosa del genere! Un gruppo di ragazzi eccezionali con una gran voglia di lavorare grazie ai quali abbiamo fatto delle prestazioni incredibili, andavamo in crisi soltanto quando avevamo delle assenze ma al completo non avremmo avuto nessun problema di salvezza. Dispiace, dopo tre anni di successi dalla Prima categoria all’Eccellenza, finire in questo modo fa male. Adesso spero solo che tutti i ragazzi trovino un’adeguata sistemazione e cercherò io stesso di dare una mano”.

E purtroppo in questo brutto momento la situazione è ancora più triste per il ds Tonino D’Orazio (nella foto) al quale è venuto a mancare il papà nella giornata di ieri.

I funerali si terranno oggi alle 15 alla chiesa di S.Pietro a Lanciano. La redazione di Abruzzocalciodilettanti porge le più sentite condoglianze allo stimato professionista e si unisce con sincero affetto al dolore dei familiari.